Birra Elvo

Tanta passione sta alla base dell’esperienza di Birra Elvo, la cui storia, come nel caso di tanti altri microbirrifici, è quella di persone che, impegnate da tempo in altri settori, decidono, a un certo punto, di cedere all’insano furore brassicolo, facendo di ammostamenti e fermentazioni il proprio mestiere. Qui la vicenda vede come protagonista Josif Vezzoli, professionista apprezzato nell’ambito della progettazione di studi di registrazione, ma al contempo appassionato di pinte di qualità

Ci troviamo in una frazione del piccolo comune di Graglia, in provincia di Biella. Ristrutturata una vecchia stalla e dotatala, in partenza, di un piccolo impianto (2 ettolitri), le insegne di Elvo – issate nella valle omonima, alle pendici del Mombarone – fanno il loro debutto nel 2013, puntando tutto sulla qualità della materia prima: in particolare dell’acqua. Le sorgenti locali ne fanno scorrere infatti di purissima: tra le più leggere (forse la più leggera) d’Europa; quasi totalmente priva di minerali e perfettamente adatta alla produzione di tipologie di estrazione bavarese, basse fermentazioni in tradizionale stile tedesco.